Scuola dell'Infanzia Primi Anni

         Asilo Nido Bilingue - Valcanneto - Cerveteri (Roma) 

A B C

AUTUNNO

Cadono le foglie spinte dal vento

le guarda il bambino ed è contento

Di questo ballo improvvisato

Che le adagia piano sul prato.

Che le adagia piano sul prato.

Corre il bambino e le raccoglie

Può finalmente toccare le foglie

Gialle rossicce ed arancione

Sono i colori di questa stagione.

Ecco l’autunno è ritornato!

Lo dicono le foglie, gli alberi, il prato.

A TE MAMMA

E' la festa della mamma

e' la festa dell'amore,

il tuo cuore e' come un fiore

che mai appassira'!

Vorrei donarti il mondo,

il mondo e' troppo grande,

e non lo so portare.

Lo sai che cosa faccio?

ti regalo un bel bacetto,

un bacio forte forte

e poi ti stringo a me.

LA BEFANA E' UNA VECCHINA

La befana

è una vecchina

che col sacco si fa china

mangia arance e beve vino

porta i doni ad un bambino

porta i doni ad un bambino

Poi all'alba si nasconde

sopra i monti o tra le onde

e ritorna un altro anno

se non prende un gran malanno.

BOLLI BOLLI PENTOLINO 

Bolli bolli pentolino,

fai la pappa al mio bambino

la rimescola la mamma

mentre il bimbo fa la nanna.

Guarda guarda il can che scappa,

ha portato via la pappa

l'ha portata via al bambino

per poi darla al cagnolino

cagnolino tutto contento

se la mangia in un momento

cagnolino fa bububu

e la pappa non c'è più!

CARNEVALE VECCHIO E PAZZO

Carnevale vecchio e pazzo

s'è venduto il materasso

per comprare pane, vino,

tarallucci e cotechino.

E mangiando a crepapelle

la montagna di frittelle

gli è cresciuto un gran pancione

che somiglia ad un pallone.

Beve, beve all'improvviso

gli diventa rosso il viso

poi gli scoppia anche la pancia

mentre ancora mangia, mangia.

Così muore il Carnevale

e gli fanno il funerale:

dalla polvere era nato

e di polvere è tornato.

(Gabriele D'Annunzio)

CASTAGNA

Son piccina e rotondetta

son di razza montanina

dell'autunno son la regina

son dei bimbi la cuccagna

e mi chiamo...castagna

IL CAVALLO DEL BAMBINO 

Il cavallo del bambino

va pianino, va pianino.

Il cavallo del ragazzo

va al passo, va al passo.

Il cavallo del giovanotto

va al trotto, va al trotto.

Il cavallo del reggimento

va al veloce piu' del vento.

Il cavallo che va in guerra

Butta giù (nome del bambino) per terra

CAVALLINO ARRO’ ARRO’ 

Cavallino arrò arrò

per la biada che ti dò

per i ferri che ti metto

per andare da San Francesco

San Francesco era un frate

che faceva le frittate

le frittate non son pronte

mangeremo le ricotte!

le ricotte son salate

mangeremo le frittate. 

CICCIO IL RICCIO

Sta facendo un gran capriccio

questa volta Ciccio il riccio

che non vuole andare in slitta

con la neve così fitta.

Io non vengo, ho paura

ad andare nella radura

con la neve è tutto bianco

ho paura e sono stanco.

La sua mamma ora gli insegna

a raccogliere la legna

per scaldare bene la tana

per un'altra settimana.

Poi si è anche divertito

un pupazzo ha costruito

proprio in mezzo alla foresta

con gli stecchi sulla testa.

Con la mamma ecco infine

chiude a palla le sue spine,

così avvolto sembra Ciccio

la castagna nel suo riccio.